VARIANTE AL P.R.G. DENOMINATA CITTA’ RESILIENTE

Rispetto a tutte le prospettive di carattere specifico o di ampia portata, riteniamo di particolare importanza la previsione di variante che riguarda un settore del quartiere della “Capanna”.

Previsione che comprende il progetto di riqualificazione che ora contiene anche aree di degrado e che, nell’ambito del riassetto, prevede, in particolare, la realizzazione della bretella di collegamento tra la rotatoria della complanare e la rotatoria di via Capanna/viale dei Pini.

La bretella che passerà a margine della zona edificata, o da edificare, porterà ad una importante riduzione del traffico su via Capanna ed anche all’interno dello stesso quartiere.

La realizzazione della bretella è collegata alla previsione di variante, che individua la costruzione di un supermercato di quartiere, dotato delle aree di pertinenza.

Infatti, nell’ambito di un percorso amministrativo, ormai ricorrente, che in funzione della normativa nazionale sul “plus valore” prevede accordi tra l’ente pubblico ed i soggetti privati, i costi relativi alla realizzazione della bretella, saranno a totale carico del soggetto privato.

Unico processo che consente all’amministrazione di realizzare “la Città Pubblica” in un contesto storico in cui le risorse, per investimenti, sono spesso scarse o insufficienti.

Nel settore di via Capanna, oggetto di riqualificazione, la variante prevede anche il riassetto delle strutture sportive all’aperto e del centro di aggregazione di quartiere, con la dotazione dei parcheggi nel rispetto dei parametri di legge. Prevede inoltre un mercatino coperto per prodotti locali a km zero.

Tra gli altri contenuti di “ampia portata” evidenziamo la norma sui “Condhotel”, con la previsione di una destinazione mista “turistico residenziale” a gestione unitaria alberghiera per un utilizzo continuo delle strutture, durante tutto l’arco dell’anno. Ricordiamo che tale norma QQfa riferimento a disposizioni regionali che regolano le attività ricettive nella Regione Marche (sono “Condhotel gli esercizi alberghieri aperti al pubblico, a gestione unitaria, composti da una o più unità immobiliari o da parti di esse, ubicate nello stesso Comune, che forniscono alloggio, servizi accessori ed eventualmente vitto in camere destinate alla ricettività, nonché, in forma integrata e complementare, in unità abitative a destinazione residenziale).

Inoltre, evidenziamo la previsione delle zone BT11 sul lungomare sud che consentirà agli operatori di riqualificare le strutture ricettive esistenti; riqualificazione che sommata a quella legata alla ciclovia, porterà ad un livello di qualità, che quel tratto di lungomare merita.

E’ importante la previsione del parco “Mumù” che potrà essere attivato grazie al lascito del compianto Marco Venturi, al quale la città è grata.

Importante è anche la previsione dell’area scolastica di Marzocca, con lo studio di aree di pertinenza, a verde, fondamentali per questo tipo di insediamenti.

Da ultimo, sottolineiamo la riduzione della superficie minima degli alloggi a mq. 45, rispetto agli attuali mq. 52, prevista in quasi tutto il territorio. Tale modifica, da tempo auspicata, è stata introdotta tenendo conto della mutata ed attuale consistenza dei nuclei familiari.

Per tutto quanto sopra, e per i contenuti della variante in generale, la lista civica Vivi Senigallia esprime piena condivisione a questa delibera di Giunta, a firma dell’assessore all’urbanistica e vicesindaco Maurizio Memè, che con dedizione e costante impegno ha onorato la delega conferitagli dal sindaco Maurizio Mangialardi, ad inizio consigliatura. Condividiamo inoltre appieno la variante al P.R.G. perché elaborata e sviluppata tenendo conto delle esigenze dei cittadini, della vocazione turistica della città e delle imprese del nostro territorio.

A conclusione dell’intervento, riconosciamo anche il grande lavoro svolto dalla struttura tecnica, dall’architetto Daniela Giuliani e dai suoi validi collaboratori.

Archiviato in Notizie | Commenti (0)

Lascia un commento